Agenparl

USA, NONOSTANTE I SONDAGGI I RISULTATI DELLE ELEZIONI PRESIDENZIALI SONO INCERTI

Joe Biden

(AGENPARL) – Roma, 12 ottobre 2020 – Nonostante i sondaggi siano solo un’istantanea del momento, i risultati delle elezioni – quelle reali – rimangono molto incerti, mentre rimane certa la pandemia e la crisi economica che sta continuando a colpire gli USA.

Se gli elettori dipendessero solo dai sondaggi nazionali, il candidato democratico Joe Biden asfalterebbe l’attuale presidente Donald Trump, tanto è che ha l’85% di possibilità di vincere le elezioni del 3 novembre, e questo secondo le previsioni elettorali di FiveThirtyEight.

Il paradosso di questa situazione che vede Biden con una schiacciante vittoria su Trump è che l’esperienza passata indica che bisogna essere cauti.

Anche nel 2016, le stesse previsioni elettorali indicavano che l’ex segretario di stato Hillary Clinton aveva più del 70% di possibilità di vincere le elezioni, ma come è noto ciò non è accaduto e ha vinto Trump.

Il giorno delle elezioni presidenziali tra Clinton e Trump è successo che gli Stati che hanno votato Repubblicano sono passati a sostenere Trump e così anche gran parte degli Stati che erano indecisi.

Biden sta mantenendo e mantiene un margine molto più ampio su Trump rispetto a Clinton, anche nella maggior parte degli stati swing (in bilico) che sono importanti per conseguire la vittoria per la Casa Bianca.

Dall’inizio di ottobre, l’ex vicepresidente ha mantenuto circa l’8% di vantaggio nei sondaggi nazionali in media contro Trump, un margine di quasi il 3% più ampio di quello ottenuto da Clinton nello stesso periodo nel 2016, quindi Biden ha chiaramente un vantaggio nei sondaggi più ampio del candidato democratico di quattro anni fa, offrendo ai democratici una speranza più forte e concreta che Biden possa vincere su Trump e quindi riconquistare la Casa Bianca.

Altro esempio è dato dalla Pennsylvania, Biden ha un vantaggio del 7,1% su Trump a partire da venerdì, sempre secondo i sondaggi medi di FiveThirtyEight, una cifra che è salita dopo il primo dibattito presidenziale.

In Pennsylvania, stato tradizionalmente democratico, la media dei sondaggi nazionali nel 2016 indicava Clinton con quasi il 6% di vantaggio su Trump nello stesso periodo in ottobre. Ma con l’avvicinarsi del giorno delle elezioni, la corsa per il sostegno dello stato è diventata più serrata, con il presidente che alla fine ha vinto il cruciale stato, scioccando analisti sondaggisti, giornalisti e persino la stessa Clinton.

Nel Michigan, un altro stato che sorprendentemente è diventato democratico nelle elezioni del 2016, non ha votato per un presidente repubblicano dal lontano 1988, quando fu eletto il presidente George HW Bush. Oggi Biden detiene attualmente un vantaggio dell’8,2% sul presidente a meno di un mese dal giorno delle elezioni. Il governatore dello stato, Gretchen Whitmer (D) era in cima alla lista dei candidati di Biden, e se l’avesse scelta, forse avrebbe ottenere una vittoria garantita grazie al sostegno dello Stato. All’inizio di ottobre 2016, la Clinton era salita del 7,5% fino a quando la sua parabola non è diminuita dopo il secondo e il terzo dibattito presidenziale.

Nel complesso, gli stati swing stanno votando meglio per Biden e peggio per Trump.

Alcuni analisti di sondaggi attribuiscono la diminuzione della candidatura del presidente alla sua scarsa gestione del coronavirus  Ma con le elezioni a quasi tre settimane di distanza, gli elettori sono riluttanti a fare affidamento sull’accuratezza dei sondaggi, come hanno fatto nel 2016. Sebbene il vantaggio di Biden negli stati oscillanti sia generalmente più forte di quello di Clinton, secondo i dati dei sondaggi FiveThirtyEight, i risultati delle elezioni reali rimangono incerti mentre la pandemia di coronavirus e la crisi economica continuano.

Exit mobile version