Agenparl

Università di Oxford: la rigenerazione dell’Artico potrebbe fermare il disgelo del permafrost e ridurre i rischi del cambiamento climatico

(AGENPARL) – Oxford, 27 gennaio 2020 – L’introduzione su larga scala di grandi erbivori nella tundra artica per ripristinare l’ecosistema di praterie “steppa mammut” e mitigare il riscaldamento globale è economicamente praticabile, suggerisce un nuovo documento dell’Università di Oxford.

Gli animali al pascolo come cavalli e bisonti sono noti per progettare il paesaggio che li circonda, ad esempio sopprimendo la crescita degli alberi calpestando o mangiando alberelli. Quando questo processo viene sfruttato per ripristinare un ecosistema a uno stato precedente, viene chiamato ricostituzione. Può anche essere usato per cambiare un ecosistema in uno stato diverso ma più desiderabile. Questo è indicato come ingegneria megafaunal dell’ecosistema.

In molte parti del mondo, gli ecosistemi forestali sono considerati i più importanti da ripristinare a causa della loro capacità di immagazzinare carbonio. Ma nella tundra artica lo spostamento del paesaggio dalla vegetazione legnosa alla prateria migliorerebbe la protezione del permafrost ricco di carbonio, ridurrebbe le emissioni di carbonio associate al disgelo del permafrost e aumenterebbe la cattura del carbonio nel suolo.

Questo ecosistema di praterie – chiamato la “steppa dei mammut” – esisteva durante il periodo pleistocenico, ma si perse quando si estinsero grandi erbivori come i mammut lanosi. Cavalli e bisonti potevano agire come ingegneri ecologici per trasformare la tundra odierna in prateria. Rimuovendo la vegetazione legnosa, migliorando la crescita dell’erba e calpestando la neve in cerca di foraggi invernali, i grandi mammiferi aumentano la quantità di energia solare in entrata che rimbalza nello spazio, nota come albedo . Le praterie favoriscono inoltre la cattura del carbonio nelle radici profonde delle erbe e consentono alle fredde temperature invernali di penetrare più a fondo nel terreno. Complessivamente, questi cambiamenti avrebbero un effetto di raffreddamento netto sulle terre artiche e ritarderebbero lo scioglimento del permafrost.

“L’Artico sta già cambiando e velocemente. Adottare un approccio “non fare nulla” ora è una decisione per consentire cambiamenti rapidi e irreversibili “, afferma l’autore principale, il dott. Marc Macias-Fauria, capo del gruppo Biogeosciences presso la School of Geography & the Environment. “Sebbene la scienza dell’eco-ingegneria artica sia ampiamente non testata, ha il potenziale per fare una grande differenza e l’azione in questa regione dovrebbe essere presa in seria considerazione.”

Le stime dello studio di Oxford guidati che le emissioni di carbonio da disgelo del permafrost potrebbe essere di circa 4350 milioni di tonnellate metriche all’anno sopra il 21 ° secolo. Si tratta di circa la metà delle emissioni di combustibili fossili e tre volte di più rispetto alle stime delle emissioni prodotte dal cambiamento attuale e previsto dell’uso del suolo.

“Considerare le strategie di utilizzo del suolo volte a proteggere il permafrost artico ha implicazioni simili per i cambiamenti climatici rispetto alle decisioni sull’uso del suolo in altre regioni che attualmente ricevono molta più attenzione”, ha spiegato il professor Yadvinder Malhi, leader del gruppo Ecosystems presso l’Environmental Change Institute. “Non siamo abituati a pensare all’Artico in questo modo.”

Il Pleistocene Park, un progetto di ripristino delle praterie a conduzione familiare attualmente operativo nella Russia nord-orientale, ha già mostrato risultati promettenti. Ma il documento evidenzia che la scala delle introduzioni di animali doveva avere un impatto significativo sulla tundra artica e quindi il clima globale rappresenta una sfida significativa. Come punto di partenza, ora sono necessari grandi esperimenti all’interfaccia tra scienza e pratica.

La documentazione fossile è stata usata per stimare che nel Pleistocene, 1 mammut, 5 bisonti, 7,5 cavalli, 15 renne, 0,25 leoni delle caverne e 1 lupo per chilometro quadrato vagavano nell’area – attorno alla densità animale dell’attuale gioco della savana africana riserve. Gli sforzi di rigenerazione si concentreranno inizialmente su bisonti e cavalli. I ricercatori sono costati l’introduzione e il monitoraggio di tre aree sperimentali su larga scala composte da 1.000 animali ciascuna a 114 milioni di dollari USA per un periodo di 10 anni. Su base annua, queste aree sarebbero in grado di mantenere fino a 72.000 tonnellate di carbonio nel terreno e di generare US $ 360.000 solo in entrate di carbonio, aumentando una volta che la fase di ricerca è stata condotta e il ridimensionamento ha consentito pratiche più efficienti in termini di costi. I rendimenti potrebbero essere significativamente più elevati se i paesi dell’Artico introducessero meccanismi di tassazione e tariffazione del carbonio, e lo studio costituisce una potenziale opportunità per la cooperazione tra Regno Unito e Russia sulla mitigazione dei cambiamenti climatici. La logistica, i costi e le considerazioni sociali necessarie per rilanciare l’Artico sarebbero un compito monumentale, ma il rendimento climatico potrebbe essere mastodontico.

L’ecoingegneria è un esempio di soluzione per il clima naturale, parte del più ampio quadro di “soluzioni basate sulla natura”. Il concetto di soluzioni basate sulla natura si riferisce in larga parte a lavorare e migliorare la natura per aiutare ad affrontare le sfide della società e sta rapidamente guadagnando terreno in tutto il mondo.

L’articolo fa parte di un tema tematico sulle Transazioni filosofiche della Royal Society incentrato sull’interazione tra ecosistemi e cambiamenti climatici.

Exit mobile version