Agenparl

Con Trump la US Space Force è ufficialmente decollata ma mancano ancora migliaia di decisioni da prendere

John Raymond

(AGENPARL) – Roma, 21 dicembre 2019 – Con la firma di ieri da parte del Presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump del National Defense Authorization Act (NDAA), è ufficialmente decollata la US Space Force.

Alti funzionari della difesa e i alcuni vertici militari hanno affermato che la legge consente al nuovo servizio di iniziare a essere operativo dopo mesi di pianificazione.

Ancora c’è troppo da fare e migliaia di decisioni devono ancora essere prese. Non sono ancora state definite le missioni, l’equipaggiamento e le strutture che la nuova Forza prenderà in carico dall’esercito, dalla marina, dall’agenzia di difesa missilistica e da altre agenzie del dipartimento della difesa.

Le nuove divise devono essere disegnate. Non è nemmeno chiaro come saranno chiamati gli ufficiali del nuovo servizio e il personale militare arruolato.

In pratica come è la situazione oggi?

La Space Force assorbirà US Air Force Space Command è un comando importante all’interno della Air Force incaricata della formazione e dell’equipaggiamento per le attività e le operazioni relative allo spazio.

Circa 16.000 militari in uniforme e civili (3.400 ufficiali, 6.200 impiegati arruolati) saranno trasferiti alla Forza spaziale. Per ora, rimarranno ufficialmente aviatori o civili all’interno dell’Aeronautica.

I funzionari hanno spiegato che il personale era stato temporaneamente selezionato per la nuova forza e avrebbero avuto l’opportunità di trasferirsi nel nuovo servizio e lasciare l’aeronautica.

Il generale John Raymond, che attualmente guida sia il comando spaziale dell’aeronautica sia il comando spaziale statunitense , un comando operativo unificato, diventerà immediatamente il «Chief Space Officer», un ruolo che potrebbe svolgere per un intero anno senza passare per il congresso, secondo il NDAA. Anche se il comando spaziale americano rimarrà indipendente dalla forza spaziale.

Nei prossimi 18 mesi, la Space Force selezionerà nuove basi come quelle di Peterson, Buckley, Schriever, Vandenberg, Patrick ed alcune altre basi dell’aeronautica che verranno trasferite nella nuova forza.

Due elementi importanti nella lunga lista delle cose da fare sono quelli di capire quali attività e operazioni militari al di fuori dell’Aeronautica dovrebbero essere trasferite al nuovo servizio.

«Non ci saranno inoltre cambiamenti nella relazione che Air Force Space Command, che presto sarà Space Force con il Missile Defence Agency, il National Reconnaissance Office, è la nostra crescente relazione con la Space Development Agency. Nessuna di queste relazioni cambierà», ha detto un alto funzionario militare ai giornalisti del Pentagono venerdì».

«È la visione, alla fine, che altre parti dell’Esercito, della Marina, dell’Aeronautica e di altre organizzazioni del DoD costituiranno alla fine la Forza Spaziale. Questo continua ad essere il nostro obiettivo. Faremo innanzitutto alzare il livello dell’Aeronautica e mentre iniziamo a passare nelle varie fasi, è lì che iniziamo a fare il nostro duro lavoro per tornare indietro per identificare l’altro servizio o le organizzazioni DoD che si uniranno a noi nello Space Force».

Raymond ha dichiarato: «Ci sono migliaia e migliaia di azioni che dovranno essere realizzate», tra cui la selezione di un’uniforme, un logo e altri elementi, nonché la definizione di una struttura di assunzione e di trasferimento. «Quel lavoro è stato pianificato e sarà presentato», ha detto.

Un altro grosso compito in questa fase sarà convincere un pubblico scettico che una forza spaziale è persino necessaria, ha affermato Stephen Kitay, vice assistente segretario alla difesa per la politica spaziale. «Uno dei primi aspetti è educare gli americani in modo che comprendano il ruolo dello spazio per il nostro paese…. Siamo arrivati al punto nella nostra nazione in cui lo spazio è così importante per noi che abbiamo bisogno di una forza armata, un servizio militare, progettato per proteggere e difendere i nostri interessi in questo settore critico … quindi c’è quell’aspetto dell’educazione, in modo che le persone capiscano a cosa serve la forza spaziale degli Stati Uniti e l’importanza di questo dominio».

Anche la Space Force ha bisogno del proprio budget. «Lo stiamo costruendo molto da vicino in questo momento», ha detto Kitay. «Avremo una US Space Force separata in quel momento … quindi, chiaramente, il budget rifletterà la presenza di una Space Force degli Stati Uniti».

 

Exit mobile version