(AGENPARL) – Roma, 22 novembre 2020 -Domenica gli Stati Uniti si sono ritirati da un trattato sul controllo degli armamenti del 1992 che consente voli di sorveglianza disarmati sui territori dei paesi membri per creare fiducia e promuovere la trasparenza delle attività militari.

L’uscita degli Stati Uniti dal Trattato sui Cieli Aperti è seguita a una notifica ai membri da parte dell’amministrazione del presidente Donald Trump sei mesi prima, citando la presunta violazione dell’accordo da parte della Russia.

L’amministrazione ha anche ritirato gli Stati Uniti dal Trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio del 1987 con la Russia nell’agosto dello scorso anno.

Il presidente “non ha mai smesso di mettere l’America al primo posto ritirandoci da trattati e accordi obsoleti che hanno avvantaggiato i nostri avversari a scapito della nostra sicurezza nazionale”, ha detto in una dichiarazione pubblicata su Twitter il consigliere per la sicurezza nazionale Robert O’Brien.

Il Trattato sui Cieli Aperti, entrato in vigore nel 2002, aveva un totale di 34 membri tra cui Canada, Russia e molte nazioni europee prima del ritiro degli Stati Uniti.

Specifica le quote per i voli d’osservazione, i tipi di sensori consentiti sui velivoli d’osservazione e le ispezioni dei sensori da parte di un paese osservato. Una parte deve fornire un preavviso di almeno 72 ore per effettuare tali voli.

Il Dipartimento di Stato ha accusato la Russia di violare il trattato “in vari modi per anni”, anche negando un volo di osservazione condiviso da Stati Uniti e Canada durante una grande esercitazione militare russa lo scorso anno.

Dopo il ritiro degli Stati Uniti dal Trattato INF, il Nuovo Trattato per la riduzione delle armi strategiche del 2010 rimane l’unico accordo sul controllo degli armamenti tra gli Stati Uniti e la Russia, le due superpotenze nucleari.